Attestati e Riconoscimenti Foto Storiche                 
 
Lucia Candido, membro dell' Accademia Nazionale dei Sartori, antica Università fondata per volontà del Papa Gregorio XIII, nel 1575. Creatrice di moda, stilista e modellista. Chi è Lucia Candido?
Sono nata nel Salento a Melendugno (LECCE), il 21.03.1940. Figlia di un benemerito riconosciuto dalle politiche culturali di Lecce "artista di un tempo", ebanista, intagliatore, pittore e scultore. Ho vissuto un'infanzia felice figurata da tanta creatività, il bello dell'arte mi coinvolgeva; la pittura, l'intaglio, i bassi rilievi, i colori, le volute artistiche convivevano con me in quanto parte di questa distinta famiglia. Sin da subito sono stata disciplinata dalle gerarchie religiose cattoliche per frequentazioni. L'evento di una grave e prematura perdita, quella della mamma, ha rotto l'incantesimo dell'infanzia serena, modificando il percorso di vita e di studi. In giovanissima età ho conseguito, presso l'istituto d'Ameli, l'istruzione tecnico didattica professioanale, Scuola privata gestita dalle Suore Stimmatine Ordine Francescano, residenti nel castello baronale del '600 sito nello stesso comune di Melendugno.
L'ambiente all'epoca elegante e religioso ha sicuramente
influito sulla mia formazione, determinata, coerente e laboriosa, traendone in prospettiva molti vantaggi, ho imparato così le prime nozioni etico morali fino all'età di 20 anni. Per conseguente onorato matrimonio (nota singolare il vestito da sposa è stato ideato e realizzato da me) con una bella persona dipendente dello stato, della Guardia di Finanza, abbiamo condiviso insieme con integerrima simbiosi le inevitabili procelle della vita, fino al momento della sua morte, (avvenuta il 20.11.2001).
Giunta a Roma negli anni '60 ho messo in atto l'impresa conciliando famiglia e lavoro in un crescendo di creatività al servizio della città di Roma e del "su misura", sistema che arricchisce di senso le relazioni sociali, necessarie per questo tipo di lavoro, finalizzato esclusivamente alla persona fisica. Gestisco l'impresa con etica professionale rispettando ed osservando le regole del gioco; questo in virtù delle primarie discipline ricevute in famiglia ed in ambito religioso scolastico. Per Me, come donna italiana, fare Impresa è abbastanza complicato, c'è la famiglia a priori, la crescita dei figli, la sostenibilità economica; tutto questo richiede abilità non comuni nel conciliare l'insieme che ho faticosamente superato ottenendo risultati quasi sempre vincenti.
Sono amante da sempre della Letteratura Italiana e confesso che intimamente mi commuovo e mi sorprendo di quanto possa essere sublime e diversificata la conoscenza del sapere che si impone quando si compone un opera d'arte o quando si fanno pubbliche relazioni. Condivido il pensiero di Pierre Cardin nel dichiarare nel settimanale "Chi" che i grandi artisti sono quelli che fanno cose mai esistite, quelli che copiano sono figure secondarie.
In piena crisi economica, almeno per me, ho acquistato la struttura di un negozio su strada sito in via Noto, 37 a Roma, dove ho creato il "LC Atelier" che gestisco in proprio come Ditta Individuale, superando i non facili momenti di impegni economici e senza mai perdere le necessarie credenziali bancarie. Sono in possesso inoltre di autorizzazione amministrativa "Legge 11.06.1971, n° 426", iscritta nel registro dei commercianti, della camera di commercio, oltre ad essere annotata nell'albo di impresa artigiana "sezione speciale" n° 124577. Questa zona di Roma (Appia Nuova - Re di Roma), altamente commerciale, mi pone in continua espansione, impegnandomi a dare sempre maggiore credibilità alla sartoria, confrontandomi qualitativamente contro ogni possibile "falso d'autore" e sostenendo nello stesso tempo concorrenze sleali. Con la clientela ho semrpe avuto buoni rapporti e facilità di intesa ricevendo manifestazioni di stima e ammirazione sempre, confermandomi di meritare di più, quindi incoraggiandomi ad andare avanti; questo sostegno ha potenziato indubbiamente l'innato stile creativo sempre a disposizione nella città di Roma e mai per conto terzi. I rapporti commerciali sono semrpre stati buoni fino ai nostri giorni con ditte come: Carnet-Milano, Sartorex-Prato, Nicoltex-Torino, Bassetti Valli-Roma.
Iscritta nel 1977 alla Federazione di categoria e nel 1987 all'Accademia Nazionale Dei Sartori, ho avuto l'opportunità di emergere "relativamente" attraverso numerose manifestazioni in pubblico presso il prestigioso Auditorium Parco Della Musica, organizzate da AltaRomaAltaModa, e defilè di calendario in Italia e all'estero. Lo statuto di questa Accademia Nazionale dei Sartori, antica Università dal 1575, non prevedeva al suo interno associati di sesso femminile, quindi sono stata una delle prime donne a risultare idonea secondo le regole stabilite dal consiglio direttivo che mi conferì il Diploma di Membro Partecipante. Dopo 15 anni di feconda presenza, nel 2006, ho ricevuto il riconoscimento con la targa di "Membro Benemerito". Già Consigliere Nazionale dell'Accademia dei Sartori, attualmente ricopro la nomina in seno al Collegio dei Probiviri. Ringrazio i presidenti che si sono susseguiti in questi anni: Il fù Gregorio Luzzi, Vito Panetta, Sebastiano di Renzo, Mario Napolitano presidente mondiale. Un particolare ringraiamento alla segretaria Renata Claudi.

I modelli di collezione che sto presentando nel corso degli anni sono stati tradotti e pubblicati dal quotidiano "Il Messaggero" di Roma. Ringrazio la redazione e deferente stima ai direttori: Pietro Calabrese, Paolo Graldi, Paolo Gambescia, Roberto Napolitano, Peppe Rossi direttore di "Leggo", uno speciale ringraziamento di stima e simpatia alla Nobil Donna giornalista d'alta moda Paola Pisa. I congressi mondiali sono stati molteplici: Amburgo-Germania, Lisbona-Portogallo, Valencia-Spagna, Svizzera, Berlino, ed il 5 Agosto 2007 si svolgerà il 32° Congresso dei Maestri Sarti a Taipei, Taiwan (Cina). Sarò presente nel Collettivo Accademico con coerenza e spirito associativo.
Riconoscimenti significativi sono quelli internazionali, ringrazio l'ufficio stampa berlinese "molto selettivo" foto reporter F.Mayer per aver pubblicato una mia creazione su rivista tedesca. Sono a conoscenza che alcuni miei modelli sono stati inviati annche a Parigi. Nel '90 una manifestazione a Villa Adriana di Tivoli, premiava molti noti artisti, anche dello spettacolo, nella quale anche io ho ricevuto il Diploma di merito con statuetta.
Si dice: "L'essenziale è esserci" ed io ancora una volta sono con voi. Questi fatti concreti tradotti nella vita mi hanno indotta a registrare il marchio LC Atelier come conferma di autentica identità. Lo sottopongo quindi a delle potenziali multinazionali come possibile valutazione ed evoluzione artistica, storica e commerciale.

Lucia Candido.



Lucia Candido insieme al Consiglio dell'Accademia Nazionale dei Sartori
Lucia Candido con il Presidente della Federazione Sarti e Sarte d'Italia
Lucia Candido con i compagni dell' Accademia Nazionale dei Sartori
Lucia Candido ospite in una trasmissione della Rai
Lucia Candido con la presentatrice Maria Teresa Ruta
Lucia Candido in compagnia del marito
Lucia Candido alla premiazione per il Gran Premio Leader del teatro, dell'arte e del lavoro
Lucia Candido al Congresso Internazionale di Berlino